Custodi della memoria

Pubblicato: 14 marzo 2020 in Senza categoria

Senza titolo

 

La signora Briganti racconta ai nostri intervistatori i pericoli e le sofferenze che, tra il 1943 e il ’45, il giovane partigiano lentinese, Luigi Briganti, dovette affrontare. Il dottore Briganti, per i suoi meriti, ha ricevuto la medaglia d’oro al valor militare e a lui è dedicata la piazza della Resistenza a Lentini.

Intervistatori: Giada Centamore, Giulia Gaeta, Alessandro Militello (classe II C)

Riprese: Alessandra Di Pietro

vNel mondo non esistono solamente disuguaglianze dal punto di vista della razza, della religione o del colore della pelle ma anche dal punto di vista economico.                      Infatti in Italia solamente l’ 1% più ricco detiene quanto possiede il  restante 70% della popolazione. Subiscono di più, però, i più fragili come i giovani e le donne, coloro che pagano il prezzo più alto, guadagnando meno di 800 euro lordi al mese. Invece il 23% degli under 29 vive in uno stato di povertà lavorativa. Al mondo esistono anche i ricchi sfondati che guadagnano una marea di soldi ogni giorno: un esempio lo è Jeff Bezos, l’uomo più ricco del modo grazie alla società di spedizioni Amazon. Tutti i vari dati inerenti alla ricchezza posseduta da coloro che svolgono attività economiche molto redditizie sono stati registrati da Oxfam (organizzazione no profit) e pubblicati  alla vigilia del meeting annuale del Word Economic Forum che si è svolto a Davos in Svizzera, dove si sono incontrati tutti questi uomini facoltosi e potenti. Gli ultimi dati registrati ( a metà del 2019) rilevano dei picchi di ricchezza, concentrati nelle mani di pochi, molto elevati, 2.019 miliardi che corrispondono al 60% della ricchezza della  popolazione mondiale. In Italia  persistono le disuguaglianze, infatti l’ 1% più ricco possiede quanto il  70% della popolazione. Nell’ultimo ventennio, a livello mondiale, la ricchezza dei più facoltosi è schizzata in avanti del 7,6% mentre quella del 50% dei più poveri si è ridotta del 36,6%. In conclusione, le disuguaglianze economiche aumentano. L’Italia viene collocata al  23° posto nell’Unione Europea per quanto riguarda le disuguaglianze, primeggia invece nell’abbandono scolastico che negli ultimi anni, nel nostro Paese, è in crescita.

Davide Matarazzo II D

Alessio Sortino è un nostro alunno, frequenta la I D dell’ istituto superiore di primo grado Guglielmo Marconi e non ha certo l’aspetto di un super-eroe,  eppure il  30 novembre scorso, in occasione del cinquantesimo anno  della Fondazione della Sezione del Nastro Azzurro di Lentini , ha ricevuto un riconoscimento di benemerenza per un gesto  compiuto a soli 10 anni, per uno slancio istintivo e gratuito di altruismo e umanità. Questi i fatti.  Alessio, udite le grida di aiuto di un’anziana disabile, caduta per terra e impossibilitata a rialzarsi, ha scavalcato la ringhiera del balcone della casa della malcapitata e ha reso possibile ai suoi genitori venire in aiuto dell’ anziana, che abita nell’ appartamento accanto. Al di là dei riconoscimenti e delle cerimonie, quel che più piace di questa storia è la dimostrazione che non esistono solo i bambini-prodigio, piccoli mostri da esibire in tv, e che non c’è bisogno di supereroi dotati di poteri speciali, perché per essere speciali basta avere un cuore e dei valori antichi, ma mai fuori moda, come l’altruismo e l’umanità, uniti allo spirito di iniziativa. Bravo Alessio!

x

NUOVO TEMA (“ la resilienza”) e nuovo genere ( racconto umoristico per il concorso letterario nazionale Scrittori di Classe, che coinvolge le scuole primarie e secondarie di primo grado  per il sesto anno consecutivo.                                                                 Quest’anno Conad ha proposto Scrittori di Classe – Diario di una Schiappa con l’obiettivo di far scrivere ai ragazzi un racconto comico e schiapposo su uno dei temi proposti: famiglia, amici, scuola, animali, viaggi e tempo libero; sviluppare lo spirito critico attraverso le valutazioni degli altri racconti e stimolare il piacere della lettura. Inoltre quest’anno Conad e ActionAid hanno deciso di collaborare insieme sul tema della resilienza nelle scuole e per le scuole, la collaborazione supporterà il progetto OpenSpace: Spazi di Partecipazione Attiva della Comunità Educante. 

Made with Padlet

 

Alcuni momenti della sfida a squadre

In Italia il tema dello smaltimento dei rifiuti è sempre in cima alle priorità. E così si passa dalle promesse di aumentare la raccolta differenziata (R.D.) fino al 70% del territorio  fino all’uso dei sacchetti biodegradabili a pagamento nei supermercati. Ultimamente i comuni stanno adottando sempre di più la R.D. che contribuisce a rendere il mondo più pulito. Però molti cittadini non sanno come farla e proprio per questo motivo due informatici italiani hanno creato l’app-gioco Junker, un valido alleato che offre a tutti la possibilità di smaltire bene  i rifiuti. Ma come funziona Junker? Scaricata l’applicazione, e inserito il nome del proprio Comune, basta puntare la fotocamera sul codice a barre di oltre un milione di prodotti già nel database. A quel punto Junker riconoscerà la destinazione del rifiuto. Inoltre, se non si conosce il simbolo applicato sui prodotti, l’app dirà cosa farne. I Comuni  stanno invitando le scuole ad avviare attività didattiche per riciclare meglio. Tale misura è stata adottata anche per semplificare l’operato dei netturbini. Infatti nell’app-gioco vengono eliminate le comunicazioni tra l’ente ed il cittadino perché essa stessa dà le informazioni necessarie, fornendo comunicazioni sulla R.D. agli abitanti. Inoltre, come altre app, insegna a fare la raccolta differenziata sin da piccoli, quindi Junker diventa un asso nella manica per i giovani che amano la tecnologia e l’ambiente.

                                                           Sortino Alessio 1° D

Questo slideshow richiede JavaScript.

Giorno 21 ottobre le classi le classi prime e seconde della secondaria di primo grado del IV Istituto comprensivo “Guglielmo Marconi”, dopo una delle periodiche simulazioni antincendio, si sono recate nell’auditorium scolastico dove hanno incontrato l’ingegnere Bua, Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione per gli studenti. Sono state illustrate le corrette procedure antincendio e antisismiche, di seguito gli studenti hanno rivolto all’ingegnere domande sulle norme e sui comportamenti da tenere e sono state fornite risposte soddisfacenti. Dapprima si è parlato della sicurezza nelle scuole in generale e poi di quello che si deve fare in caso di incendio. Per esempio si è detto come filtrare l’aria in caso di fumi tossici, perché in un incendio il vero problema è il fumo. Quindi si è affrontato il discorso sul terremoto e a tal proposito l’ingegnere ha fornito delle indicazioni su come proteggersi in caso si verifichi. Inoltre si è spiegato come farsi trovare dai soccorsi, come sigillare una stanza e come mantenere la calma. Infine sono state date le regole per una corretta ed efficiente evacuazione: bisogna seguire le istruzioni indicate dal personale addetto per raggiungere le uscite di emergenza e le aree esterne di raccolta.
                                                                                                                            Alessio Sortino – 1° D

Sondaggio sul 4°I.C.”Marconi”

Pubblicato: 27 ottobre 2019 in Senza categoria

IV comprensivo

Studenti soddisfatti ma qualcosa andrebbe migliorata. Nell’ambito del Pon di giornalismo “Blogging and Surveying” è stato creato un sondaggio per sapere cosa pensano i ragazzi della nostra scuola e analizzare gli aspetti positivi e negativi. É stato scelto un campione di studenti della scuola media ai quali sono state inviate dieci domande tramite WhatsApp. Dalla ricerca è emerso che gli alunni sono soddisfatti della scuola e apprezzano molto i professori e la dirigente scolastica anche se vorrebbero ci fosse una maggiore igiene nei bagni. Amano parecchio i Pon, la palestra, la ricreazione in cortile e il cambio delle aule.
Tra le cose che vorrebbero migliorare, avere degli armadietti dove tenere i libri e usufruire di riscaldamenti funzionanti durante l’inverno ma anche di banchi nuovi. Tutti i ragazzi preferirebbero fare due ricreazioni al giorno anziché una.

Eric Mbaye, Gaia Cundari, Asia Fangano, Andrea Vinci

notte bianca

Per il quarto anno consecutivo si è svolta a Lentini la Notte bianca. Tra le numerose location, la Chiesa Madre, dove i devoti spingitori hanno preparato i cavateddi al sugo – il cui ricavato è stato devoluto per sostenere la ricostruzione delle statue dei tre Santi – piazza Duomo con balli di coppia, piazza Bellini con il Muay Thai e la chiesa della Santissima Trinità. In via Paradiso invece è stato allestito un laboratorio artigianale con molti prodotti in esposizione e vendita mentre alla villa Gorgia è stato organizzato lo street food e in via Garibaldi, balli, dj, musicisti e cantanti.

A Palazzo Beneventano, un evento particolarmente originale: l’artista Momò Calascibetta ha ideato un’installazione artistica creata con delle piramidi di cannucce che formavano una torre di circa 6 metri, realizzata con la collaborazione dei ragazzi del 4° Istituto comprensivo “Guglielmo Marconi”. Nei cortili Demma e Sparta molti visitatori hanno assistito a una mostra di quadri accompagnata da musica mentre all’ex pescheria i bambini si sono divertiti molto grazie agli animatori di Magic Academy.

Aperti durante la notte bianca, il museo archeologico e la sala Giovanni Falcone. In biblioteca è stato possibile visitare una mostra di quadri di Franco Condorelli e contemporaneamente degustare cibi preparati dai ragazzi dell’Istituto Moncada. Tra i momenti centrali della serata anche il concerto di Alfio Antico.

Giada Rita Fisicaro & Vittoria Rocca

Gli affreschi della Chiesa rupestre riprodotti dagli studenti e dalle studentesse del 4° I.C. Marconi per il progetto PON “Leontastic”, incentrato sullo studio del territorio.

3bccd43a-cf3f-4201-9e15-fcb6765a05ff

Samara Challenge, la nuova moda horror

Pubblicato: 23 settembre 2019 in Senza categoria

samara-650x361

Nelle ultime settimane la “Samara Challenge” sta spopolando in tutto il Sud Italia terrorizzando la popolazione. I primi avvistamenti sono iniziati a Librino per poi diffondersi in tutto il catanese e non solo. Samara (personaggio del film horror The Ring) ha inoltre ricevuto svariate denunce da parte dei cittadini impauriti dallo spaventoso soggetto. Dopo i frequenti episodi, i Social sono letteralmente impazziti dando sfogo a svariate opinioni e avvertendo la polizia sono riusciti a fermare alcune di esse. Inoltre nel viale Moncada sembra esserci anche una misteriosa suora. Insomma la “Samara Challenge” è diventata una moda per tutti i giovani.

   Giada Centamore e Alessandra Di Pietro